ZOOM SU CHIARA MONTAGNINI, Presidente del Consiglio comunale di Montone

chiara-montagnini

L’ingegner Chiara Montagnini è una donna molto concreta e legata al suo paese, Montone, in cui è nate e vive. E’ laureata in ingegneria e lavora a Città di Castello. Rubarle qualche minuto del suo tempo non è stato semplice perché, oltre a svolgere la sua professione, è anche stata eletta Presidente del consiglio comunale di Montone. Con disponibilità e cortesia ha comunque risposto al fuoco di file delle nostre domande.

Chi è Chiara Montagnini ?

“Dal punto di vista politico sono la Presidente del Consiglio comunale di Montone, ma anche la presidente dell’ “Umbria Film Festival”, una rassegna cinematografica  molto significativa per le tematiche e le problematiche che affronta (l’immigrazione, la diversità, la multiculturalità…).”

Lei è una donna ed è la presidente del consiglio comunale di Montone. Come si trova ad avere a che fare con tanti uomini ? A volte la mettono in minoranza?

“Nel consiglio comunale faccio parte della maggioranza assieme agli altri consiglieri del mio gruppo ed è difficile che andiamo in minoranza; come donne siamo solo due dentro il consiglio comunale (io e l’assessore Roberta Rosini) però siamo belle toste e quindi ci facciamo rispettare”.

Quali progetti segue più da vicino?

“Come ho già detto, seguo da vicino la rassegna cinematografica “Umbria film festival” come manifestazione culturale e oltre a questo come consigliere comunale dò una mano al sindaco e all’ assessore  per i progetti che riguardano le opere pubbliche (come le piste ciclabili e le piste pedonali).”

Ci vuol parlare più dettagliatamente del “fiore all’occhiello” del comune di Montone, ovvero “Umbria film festival”?

“E’ un festival che c’è ormai da 21 anni ed è una manifestazione molto importante dal punto di vista culturale che porta a Montone  le anteprime di film che in Italia non sono ancora usciti. Ci sono film da tutto il mondo in lingua originale con sottotitoli fatti  dagli studenti dell’Università di  Torino e di Modena Reggio Emilia. Sinteticamente si può affermare che è  diviso  in tre sezioni principali  che sono: la sezione dei lungometraggi (dove fanno vedere le anteprime); la competizione dei  corti per bambini; e, infine, la sezione Umbria Metraggi. Il festival è organizzato dall’associazione e dal direttore artistico Vanessa Strizzi, che riesce a scoprire sempre cose interessanti e mai banali.”

chiara-montagnini-e-le-giovani-giornaliste

Ci può dire se ci saranno novità per il prossimo anno nella rassegna Umbria Film Festival o resterà lo stesso cartellone?

“Ci saranno sicuramente nuovi cronometraggi, film  e nuovi ospiti anche se non sappiamo ancora chi e cosa, visto che la rassegna iniziamo ad organizzarla verso Gennaio, quando si decidono quali siano i film e gli ospiti da invitare.”

Come fa un piccolo comune come Montone a mettere in campo tante iniziative?

“Montone è un centro fortunato perché ha al suo interno persone appassionate che lavorano gratuitamente per queste iniziative e tante altre persone non solo appassionate per le iniziative, ma anche per Montone stessa. Sono persone speciali che confluiscono tutte dentro a delle associazioni come la Banda, la Pro-loco… Poi il nostro Comune mette in campo delle strategie virtuose per sostenere queste associazioni, dandogli un contributo che gli permette di fare e progettare. Cosa non da poco in questi tempi!”

Grazie signora Presidente, in poche battute ci ha fatto capire tante cose.

Benedetta Formica, Martina Ercolanelli e Camilla Burattini